Giornata nazionale del Paesaggio - 14 marzo 2021

Pineta striscia

“Un quadro naturale di eccezionale bellezza”.

Il vincolo paesaggistico sulle pinete maremmane

La Maremma, famosa per la sua natura incontaminata e selvaggia, è da sempre caratterizzata da una spiccata biodiversità. Mare, collina e montagna convivono mirabilmente ed offrono un territorio assai variopinto.

Nella Giornata Nazionale del Paesaggio è giusto ricordare ai cittadini quanto preziosa sia la terra che ci ospita, e l’Archivio di Stato di Grosseto vuole contribuire a celebrare questa occasione presentando alcuni atti risalenti agli anni ’50. I documenti, connessi alle attività della Commissione provinciale di Grosseto per la Tutela delle Bellezze naturali e del Paesaggio, danno modo di riflettere sull'importanza dell'intervento della legge a tuela della Bellezza che ci circonda, poichè non è sempre stato scontato il rispetto di essa.

Orbetello e Feniglia 14 marzoLa prima legge a tutela del paesaggio nasce nel 1922 nell’ambito dell’ultimo governo Giolitti. Le disposizioni avevano il chiaro scopo di limitare la distruzione delle bellezze paesaggistiche del territorio italiano, non solo perché moralmente sbagliato, ma anche perché avrebbe significato una grave perdita in termini economici.

Nel 1939 furono emanate le due leggi considerate il fondamento della tutela e conservazione del paesaggio e del patrimonio storico-artistico, le due leggi Bottai, la n. 1089 e la n. 1497. In particolare la seconda introduceva, all’articolo 2, la costituzione di Commissioni provinciali per la compilazione degli elenchi delle aree sottoposte a vincolo.

Per la Meremma, tra le zone che furono individuate dalla Commissione e proposte per il vincolo paesaggistico nel 1954 ci sono la pineta che copre la costa maremmana, da Follonica a Orbetello e l'area a valle della Passeggiata panoramica a Porto Santo Stefano.


Didascalie

I documenti pubblicati sono proprio relativi a questa proposta di vincolo paesaggistico e provengono dal fondo Provincia di Grosseto II versamento, busta 11.1.2, fascicolo intitolato “Commissione Provinciale per la tutela delle Bellezze naturali e del Paesaggio. Verbali delle adunanze”.

 1. 1951 ottobre 5

La Soprintendenza ai Monumenti e alle Gallerie di Siena promuove la costituzione ufficiale della Commissione provinciale per la Tutela delle Bellezze naturali e del Paesaggio nella Provincia di Grosseto e indica i rappresentanti che dovranno farne parte, chiedendo in particolare se nella Provincia vi sia un’Associazione di artisti e chi potrebbe rappresentarla.

 2. 1952 gennaio 29

Verbale dell’adunanza della Commissione provinciale per la Tutela delle Bellezze naturali e del Paesaggio in cui vengono illustrate le funzioni, i compiti e gli scopi della detta Commissione. Vengono inoltre disposte visite nei comuni di Orbetello, Grosseto, Castiglione della Pescaia e Follonica per effettuare sopralluoghi e si stabilisce inoltre di invitare i Comuni a compilare elenchi delle Bellezze naturali meritevoli di tutela

3. 1952 febbraio 7

Lettera forse del Segretario della Commissione provinciale per la Tutela delle Bellezze naturali e del Paesaggio al Presidente della Camera di Commercio per metterlo a parte dell’insediamento della detta Commissione e della sua composizione.

4. 1954 dicembre 6

Verbale dell’adunanza della Commissione provinciale per la Tutela delle Bellezze naturali e del Paesaggio in cui vengono proposte come aree da sottoporre a vincolo le pinete della costa maremmana da Follonica a Orbetello e l’area sottostante la Passeggiata panoramica di Porto Santo Stefano.

5. Scheda sulla Pineta lungo il litorale tirrenico a nord-ovest della città di Follonica e relativo disegno dell’area.

6. Scheda sulla Pineta detta di Scarlino posta a sud-est della città di Follonica e relativo disegno dell’area.

7. Scheda sulla Pineta pineta litoranea a nord-ovest di Castiglione della Pescaia e relativo disegno dell’area.

8. Scheda sulla pineta detta del Tombolo che si estende da sud di Castiglione della Pescaia a oltre Marina di Grosseto e relativo disegno dell’area.

9. Scheda sulla pineta detta del Tombolo di Feniglia situata nel Comune di Orbetello e relativo disegno dell’area.

10. Scheda sulla zona a valle della Passeggiata panoramica a Porto Santo Stefano – Monte Argentario e relativo disegno dell’area.

11. 1955 gennaio 19

La Soprintendenza ai Monumenti e alle Gallerie di Siena invia alla Commissione provinciale per la Tutela delle Bellezze naturali i documenti da firmare al fine di ottenere, per le aree individuate dalla stessa Commissione, la Dichiarazione di notevole interesse pubblico.