Distretto militare e Ufficio di Leva

Comando di Distretto militare e Ufficio di Leva

distretto

Comando di Distretto militare

L'archivio prodotto da questo soggetto conserva documenti molto importanti e richiesti dall'utenza, soprattutto negli ultimi tempi, per ricerche genealogiche e familiari: i Ruoli matricolari. Il Distretto militare di Grosseto aveva sede in Piazza La Marmora, nell'edificio attualmete occupato dal Comando provinciale dell'Arma dei Carabinieri. In precedenza, fino alla Seconda Guerra Mondiale, era ubicato nell'antico Cassero senese all'nterno della Fortezza medicea, a testimonianza del ruolo strategico-militare che la città aveva sempre ricoperto nei secoli passati.

Ufficio di Leva

Costituto all'atto dell'Unità d'Italia presso la Prefettura di Grosseto, l'Ufficio di Leva esercitò da allora la propria giurisdizione sull'intera provincia che era formata da un solo circondario. Nel capoluogo maremmano l'Ufficio restò attivo fino all'emanazione del DPR n. 237 del 14 febbraio 1964, che  ne trasferì i compiti e la documentazione all'Ufficio di Leva di Pisa. Negli anni successivi l'Archivio di Stato di Grosseto venne autorizzato dal Ministero a ricevere gli atti di leva afferenti i propri comuni confluiti in quella città. Infine la legge 64/1992, che prevedeva la competenza sul territorio regionale di un unico Distretto Militare e di un unico Ufficio di Leva, portò alla concentrazione dei materiali archivistici, in giacenza presso l'Ufficio di Pisa, nel solo Ufficio di Leva di Firenze.

Gli atti conservati nell'Archivio di Grosseto abbracciano le classi di nascita dal 1842 al 1920 ed includono anche le liste di estrazione, i registri sommari delle decisioni del Consiglio e le speciali liste per la revisione dei riformati, compilate durante la Prima Guerra Mondiale.

Le Liste di leva relative alla provincia di Grosseto, per gli anni 1921-1936, sono conservate presso l'Archivio di Stato di Firenze.